Mi chiamo Carla Greco e nasco per la prima volta a Napoli il 13 novembre 1968. Rinasco a 25 anni compiuti, in un letto d’ospedale, dopo due mesi di coma pancreatico.

Scampata alla morte o risorta? Devo ancora capire se c’è differenza. Quello che mi è stato subito chiaro è che poco restava di me, di ciò che credevo di essere stata fino a quel momento. Allora ho iniziato il mio viaggio. Il mio viaggio di ricerca, un viaggio che continua.

Ho terminato gli studi in psicologia e invece di proseguire e avviarmi alla professione, mi dedico anima e corpo alle tecniche di meditazione, che pratico ancora assiduamente, studiando con i monaci Achaan Tanavaro, Thich Nath Hann, Marco Valli e tanti altri maestri, più o meno noti.

Dopo aver conseguito una formazione in Yoga e Tecniche Psicofisiche Integrate presso il Centro Temenos di Napoli, insegno per quasi 10 anni e collaboro in workshop e intensivi con diversi terapeuti tra cui il dott. Mimmo Ciavarelli psichiatra e psicoterapeuta della Gestalt.

Di recente, per rendere più pragmatico il mio percorso formativo, sono diventata Specialist Trainer in Formazione presso la Max Formisano Training.

Tutto questo osservando e studiando, inseguendo molte domande e trovando poche risposte. Amo le contaminazioni, fuggo dagli assolutismi e dunque amo mescolare filosofia orientale a background occidentale, spiritualità alla psicologia, sempre con il cuore aperto a captare illuminanti segnali di libertà.

Oggi in effetti, per quanto mi stiano stretti e antipatici i titoli, più che una formatrice mi definirei un’in-formatrice olistica, un’allieva della vita che accompagna volentieri altri allievi.

Mi diletto molto ad organizzare seminari ed eventi, sempre intorno alla mia idea di evoluzione, cioè di crescita integrata (corpo, mente, spirito).

Ad oggi la mia ricerca eretica prosegue, senza meta, ma sempre con amore e con la consapevolezza che siamo gocce nell’oceano ed oceano in ogni goccia.

Amo immensamente scrivere. Ecco, che se proprio devo scegliere un’etichetta da affibbiarmi, quella di scrittrice, la sento adatta al mio corpo e alla mia anima. E’ una strada che mi piace percorrere, quella di condividere le mie verità, attraverso la scrittura, e inizierò a farlo pubblicando prossimamente il mio primo libro.

Io intanto esploro, respiro e provo a vivere, come meglio riesco a fare. Soprattutto provo a vivere e a condividere ciò che per me è essenziale: una profonda e impavida accettazione di ciò che è, di ciò che siamo, di ciò che accade.

Credo così di esercitare liberamente la mia professione di Essere Umano

Ti supplico di avere pazienza con ogni cosa irrisolta nel tuo cuore e cercare di amare le domande stesse come se fossero stanze chiuse o libri scritti in un linguaggio completamente sconosciuto. (Rainer Maria Rilke)

 

E su nessuna cosa al mondo so tanto poco, quanto su di me. (Hermann Hesse)